Dibattito generale

68 risposte [Ultimo messaggio]
marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010

In questo spazio è possibile inserire un intervento scritto oppure in audiovideo per arricchire il dibattito generale aperto domenica 4 settembre in diretta straming. Il dibattito ora continuerà qui sul forum fino a domenica 11 settembre, quando alle 15.00 si aprirà la seconda sessione del dibattito generale in diretta streaming, per poi giungere alla votazione dei documenti congressuali e l'elezione degli organi.

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
Un bel congresso ma serve più partecipazione

Il rischio del congresso online è quello del calo dell'attenzione, ma questo esperimento sta funzionando benissimo.

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Roberto Mancuso Segretario

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
please

qualche anima pia mi dice se devo buttare la mia vecchia webcam e comprarne un'altra, siccome il video che ho provato a postare non si vede, oppure se va ancora bene questa, e si riesce a vedere il mio video (io non lo vedo)??

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
non buttare nulla

serve qualche minuto per l'elaborazione del video, prima che si veda.

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
Ticket Marchese - Viviani

e... Colacione Direttore !

Riccardo.Cristiano
Ritratto di Riccardo.Cristiano
Offline
Iscritto: 08/20/2011
Quello Che Per Me E' Tv Radicale

Fuori dalle logiche di palazzo, oltre le solite parole, una web tv, sulla strada e fra i miliardi di bit. Siete voi a rendere grande questa cyber emittente, voi che con le vostre storie, alimentate la conoscenza e la curiosità. Noi siamo dei semplici volontari, che senza chiedere nulla in cambio, hanno scelto di dedicare una parte del loro tempo a questa strana forma di militanza. Eh si, perché essere radicale, sta nella purezza delle proprie azioni, nella trasparenza della comprensione reciproca, che mai tenta di sopraffare il prossimo con viscide prese di posizione. Noi, noi siamo quelli che ad ogni congresso attendiamo che ci sia dato spazio, ma possono pochi giorni a rappresentare tutte le associazioni? Radicali o no, siamo e vorremmo continuare ad essere la voce di chi ha qualcosa da dire, amplificata dalla potenza della rete, al servizio della vera democrazia. Tv Radicale, è questo e molto altro ancora, perché quell’altro sei tu, tu che ancora devi raccontare la tua storia. Unisciti a noi, non lasciare che nessuno ti dica di stare in silenzio, perché solo tu puoi, alzando la testa, “essere quel cambiamento che vuoi vedere nel mondo”.
Riccardo Cristiano 06/09/11

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Viviani - Colacione. Proposte di nuovi utenti.

rodolfoviviani
Ritratto di rodolfoviviani
Offline
Iscritto: 07/10/2010
Intervento al Congresso di Rodolfo Viviani

Cari amici, sono lieto di poter partecipare ai lavori del Congresso costituente di TV Radicale.

Scusandomi per la brevità del mio intervento, saluto i compagni, per tutti Roberto Mancuso, che da anni dedicano una parte importante del loro tempo alla sperimentazione di nuove forme di comunicazione, in un Paese dove la circolazione delle idee è impedita da forme di dominio oligopolistico del mercato radiotelevisivo che negano l’essenza dell’articolo 21 della Costituzione “tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”.

Nel corso della mia ventennale militanza radicale ho costantemente dovuto verificare con amarezza che quanto più grande è la forza delle lotte politiche che intraprendiamo maggiore è la censura che ci colpisce, sotto forma di “non notiziabilità” delle iniziative ma anche di distruzione di immagine e di identità. La situazione generale sembra aggravarsi sempre di più, vedi ad esempio la questione dei “regali” fatti a RAI e Mediaset per la assegnazione di frequenze televisive digitali, che oltre ad impedire a nuovi attori di entrare nel sistema, tolgono allo Stato cifre miliardarie in un momento di gravissima crisi economica.

L’Italia è il paese della TV. Dati ufficiali di pochi anni fa raccontano l’esistenza di 640 trasmittenti via etere. In pratica lo stivale ospita un quinto delle televisioni attive nel mondo (circa 2500). Dagli anni ’70 ad oggi, radio libere e tv private - voglio citare per orgoglio partenopeo il visionario e straordinario caso di “Telenapoli”- in molte occasioni hanno rappresentato esperienze di cosciente e consapevole percorso di scoperta del senso profondo del comunicare contrapponendosi alle dinamiche del dominio e della “trasmissione”. In anni più recenti le televisioni di comunità, quelle di “strada”, sfruttando buchi nella legislazione e coni d’ombra delle frequenze, hanno avuto il merito di denunciare scandali, portare alla ribalta voci che si voleva tenere ghettizzate, come quelle dei disabili e degli immigrati, scontrandosi molto spesso con problemi di sostenibilità economica che hanno impedito la necessaria continuità della loro azione. Oggi la possibilità di trasmettere quasi a costo zero, attraverso piattaforme gratuite e collegamenti in videoconferenza apre nuovi orizzonti alla comunicazione. Ma non facciamoci illusioni, la strada sarà disseminata da ostacoli di ogni tipo e anche operazioni come quella di “Rai per una notte” non sono prive di insidie.

Qual è allora il senso della nostra iniziativa? Come pensiamo di sostenere la nostra impresa in un mercato che spesso fa della enorme diffusione dell’offerta il modo di ghettizzare, oscurandole, le idee meritevoli di conquistare platee ampie che - usando le parole di Marco Pannella - possano fare “massa critica” divenendo oggetto di discussione tra le persone e quindi di partecipazione attorno ad un “senso comune”? Credo che tutti insieme abbiamo il difficile compito di rispondere a questa domanda se vogliamo che il nostro Congresso sia l’inizio di un duraturo processo di sperimentazione che possa fornire contributi pratici e teorici alla lotta per l’affermazione della libertà di pensiero e alla diffusione delle idee radicali e nonviolente.

Per quanto mi riguarda trovo convincenti gli obiettivi enunciati da Roberto Mancuso nella sua relazione. Un progetto fatto da militanti che permetta attraverso una comunicazione quasi interpersonale di sperimentare nuove forme di creatività, arricchendo tutte le parti in relazione, attraverso lo scambio di senso e significato. I “Format” sperimentati in questi mesi, come “Radicalbar”, “Una leggera euforia” e le trasmissioni dedicate - ma non autogestite - alle attività delle associazioni locali di Radicali Italiani sono un esempio positivo, da continuare e ulteriormente sviluppare. Come presidente dell’associazione radicale “Per la Grande Napoli” ho trovato molto utile la possibilità di registrare traccia delle tante iniziative politiche che svolgiamo. Produrre documenti da pubblicare sul sito dell’associazione in tempo reale consente alle persone che hanno ricevuto dalle nostre mani un volantino - ponendosi delle domande su di noi e sulle nostre idee - di approfondire la conoscenza e di iniziare un dialogo.
Potere lasciare, anche a “futura memoria”, la testimonianza di lotte che rischiano di essere dimenticate anche dagli stessi protagonisti per l’azione nefasta della censura e della indifferenza che spesso caratterizza l’operato degli organi di stampa della mia città è un modo di alimentare la fiamma della passione che ci spinge a donare il nostro tempo, il nostro denaro (e come direbbe il mio segretario Luigi Mazzotta, anche un poco della nostra salute!) per l’affermazione delle idee liberali, libertarie, liberiste e antiproibizioniste. Anche per questi motivi l’associazione PLGN ha deciso di essere socio Costituente di TV Radicale, auspicando che questo esempio possa essere seguito da tanti altri.

Non posso omettere una riflessione sull’adesione della costituenda associazione TV Radicale a Radicali Italiani. Come molti di voi sapranno, proprio questa intenzione mi aveva fatto allontanare da una diretta partecipazione al progetto, perché questo avrebbe limitato la nostra capacità di azione e libertà espressiva. Anche se “inufficiale”, una web tv che fosse organo di una associazione politica avrebbe spinto a caratterizzare la nostra produzione in un senso più di propaganda che di dialogo e di sperimentazione creativa.
Ricordo sempre una frase che ho ascoltato tante volte da Marco Pannella “gli organi di partito sono fatti per ingannare innanzitutto i militanti di quel partito”! Per questo motivo, anche alla luce delle perplessità del segretario di Radicali Italiani rispetto ad un nostro riconoscimento, propongo di ritirare la nostra richiesta, invitando il comitato promotore a predisporre i necessari emendamenti allo Statuto, facendo della Associazione TV Radicale una impresa editoriale interdipendente col mondo radicale ma non assoggettabile al volere di qualsiasi autorità esterna.

Per chiudere mi piacerebbe poter usare le parole di Danilo Dolci che nel marzo del 1970 da “Radio Libera Partitico” affermava:” Questa è la sede della nuova resistenza: abbiamo il diritto di parlare e di farci sentire, abbiamo il dovere di farci sentire, dobbiamo essere ascoltati. La voce di chi è più sofferente, la voce di chi è in pericolo, di chi sta per naufragare, deve essere intesa e raccolta attivamente, subito, da tutti!” Non so se saremo capaci e all’altezza del compito che ci prefiggiamo ma sento che una web tv come la nostra è necessaria e che se non esistesse bisognerebbe subito inventarla.

Rodolfo Viviani – Comitato Nazionale di Radicali Italiani – Presidente Associazione radicale “Per la Grande Napoli”

gianni
Ritratto di gianni
Offline
Iscritto: 07/16/2010
mani libere

alla luce delle recenti suggestioni ricevute dagli ambienti del partito l'idea di essere svincolati mi piace, bisogno solo trovare il modo per incardinare la cosa senza entrare in contraddizione con la proposta del comitato promotore....che ricordiamo e' stata elaborata senza conoscere ufficialmente certi malumori.

Qui occorre uno pratico di mozioni et similia per concretizzare tale idea qualora risulti maggioritaria nel comitato promotore

Stefano Russo
Ritratto di Stefano Russo
Offline
Iscritto: 08/23/2011
Mani libere

a me quel senza orario e senza bandiera da anni 70 piace sempre molto:-)
Quanto alla mozione se non sbaglio basterebbe cambiare:

Art 1 - Comma 3
"3. L'Associazione si propone di fare sinergia con tutte le realtà associative della “Galassia Radicale”, intendendosi per tale il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito e i suoi soggetti costituenti, le Associazioni Radicali tematiche, telematiche e quelle locali."
in
"3. L'Associazione si propone di INTERAGIRE con tutte le realtà associative della “Galassia Radicale”, intendendosi per tale il Partito Radicale Nonviolento Transnazionale Transpartito e i suoi soggetti costituenti, le Associazioni Radicali tematiche, telematiche e quelle locali NONCHE', SENZA PRECLUSIONE ALCUNA; CON OGNI ALTRA ORGANIZZAZIONE O MOVIMENTO SPONTANEO INTERESSATO A PROPORRE E DIBATTERE TESI SOCIALI E POLITICHE ANCHE SE NON CONDIVISE DAI SOCI FONDATORI.

Art 13
TOTALMENTE SOPPRESSO

Art 15 - Comma 2
"2. La quota d’iscrizione versata nell’anno 2011, dove prevista, è valida fino al 31 dicembre 2012; per i NON iscritti al movimento politico Radicali italiani, oppure al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito è fissata in 20 euro."
in
"2. La quota d’iscrizione versata nell’anno 2011, dove prevista, è valida fino al 31 dicembre 2012; per TUTTE LE PERSONE FISICHE è fissata in 20 euro."

Amen!

Stefano Russo

Riccardo.Cristiano
Ritratto di Riccardo.Cristiano
Offline
Iscritto: 08/20/2011
Radicali al 100%

Si può essere al 100% d’accordo con le logiche del proprio partito, qualunque esso sia? Se è vero che siamo tutti diversi, e che le menti sono singoli universi, allora è difficile che un partito politico ci rispecchi in toto. Premetto che mi sento radicale, e nessuno può convincermi del contrario, c’è voluto un po’ per comprenderlo, accettando la responsabilità di pensare in modo differente dalla maggioranza. Pian piano però, ho intravisto quel mondo, fatto di compagni e militanti dal personale vissuto, che mi affascina e mi inorgoglisce ogni qual volta li sento vicini a me. C’è quello più strano, che però nasconde una preparazione oltre misura, vedi Nicolino Tosoni, quello più “radicale” nelle azioni, uno come Armando Crocicchio, persona di cuore e che armato della sua non violenza, preferirebbe farsi portare via di peso ma non rinunciare alle sue idee. Ed altri, che si incontrano ai congressi, con i loro tavolini sempre pieni di libri, con l’immancabile scatolino dei contributi. In quell’andirivieni di gente, puoi vedere passare Marco Pannella, con quel sigaro in bocca che gli dona un alone di sicurezza e individualità. C’è chi lo scruta, chi lo segue come un cagnolino segue il suo padrone, e chi da lontano, lo osserva guardingo, conscio che è l’ultimo Highlander, capostipite di una razza in via d’estinzione. Giuste o sbagliate le sue posizioni, rappresentano lo squarcio di un’epoca, un vissuto senza pari, che oramai ho imparato ad apprezzare. Diverso è però il discorso per chi si improvvisa nuovo Vate, illudendo i più che le vestigia possano essere sostituite così facilmente. A coloro che dettano legge, interpretandola a convenienza, consiglio di farsi il solito esame di coscienza, valutando se nei modi e nelle azioni sono davvero “radicali” in senso pieno. Non sono i soldi, le iscrizioni a peso d’oro a vincere le battaglie… ma la tenacia di quei radicali ignoti, che ogni singolo giorno, si battono per cambiare le cose. Penso a questo partito come ad una famiglia, i quali componenti a volte sono strani e senza un’apparente logica. Diceva un tale; Famiglie, vi odio! Focolari chiusi; porte serrate; geloso possesso della felicità. (André Gide, I nutrimenti terrestri, 1897)

Riccardo 06/09/11

Stefano Russo
Ritratto di Stefano Russo
Offline
Iscritto: 08/23/2011
Emendamenti allo Stuto di tvRadicale

Buongiorno,
Ho depositato questa mattina quattro emendamenti, ai quali chiedo la firma per convalida.

EMENDAMENTO ALL’ ART 2 DELLO STATUTO
Al Comma 3
la frase “di fare sinergia”
va sostituita con “interagire”

Al Comma 3
dopo la frase “tematiche, telematiche e quelle locali”
va aggiunto “nonche', senza preclusione alcuna, con ogni altra organizzazione o movimento interessato a proporre e dibattere tesi sociali e politiche, nazionali ed internazionali, ritenute di interesse per la WebTv”

EMENDAMENTO ALL’ART 3
Al comma 5
La frase: “Gli iscritti a Radicali italiani o al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito, non sono obbligati al versamento della quota associativa.” È soppressa.
EMENDAMENTO ALL’ ART 13
 DELLO STATUTO
L’Articolo viene totalmente soppresso

EMENDAMENTO ALL’ ART 15
 DELLO STATUTO
Al Comma 2
la frase “dove prevista, è valida; per i NON iscritti al movimento politico Radicali italiani, oppure al Partito Radicale Nonviolento Transnazionale e Transpartito”
viene sostituita da “versata nell’anno 2011, è valida fino al 31 dicembre 2012 ed è fissata in € 20,00”.

Grazie. Stefano Russo

Stefano Russo

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
serve un appoggio... o due?

Caro Stefano,
a norma del Regolamento dei lavori approvato (7.1 Le proposte di modifica dello Statuto devono essere presentate per iscritto alla Segreteria di Presidenza entro la scadenza fissata dall’ordine dei lavori e devono essere sottoscritte da almeno un decimo e da non più di un decimo dei congressisti iscritti come soci costituenti.), devi trovare un altro socio costituente e non più di uno che sostenga il tuo emendamento poichè al momento i soci costituenti sono 22/10=2,2 o ne servono 3? A MArco Marchese l'ardua sentenza ! :)))

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
al momento 2 (due)

Fosse stato 2,6 allora sarebbe stato 3. Quindi il numero di firme (compreso il presentatore) è 2 (due).

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
emendamenti di Stefano

faccio notare che per essere coerenti con la filosofia di questo blocco di emendamenti occorrerebbe emendare anche: 9. Le votazioni dell’Assemblea sono sempre palesi tranne che per (le modifiche statutarie e )* le elezioni del Segretario, del Tesoriere, del Presidente e del rappresentante dell’Associazione in seno al Comitato Nazionale di Radicali Italiani. , nella parte in cui prevede l'elezione del rappresentante al Comitato Nazionale di RI.

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
sul comma 9 l'emendamento è ok

è stato integrato Rob. non c'è bisogno di un emendamento aggiuntivo.

Stefano Russo
Ritratto di Stefano Russo
Offline
Iscritto: 08/23/2011
2 o 3?

presumo che per 2,2 ne bastino 2 ed i 3 scattino da 2,6. giusto?
PS/ la segreteria di presidenza, tanto per non sbagliarsi, che EMail ha?

Stefano Russo

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
email della segreteria di presidenza
Stefano Russo
Ritratto di Stefano Russo
Offline
Iscritto: 08/23/2011
Emendamenti allo Stuto di tvRadicale

inoltrato!

Stefano Russo

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Emendamenti di Stefano Russo

Stefano, sto scrivendo anche io degli emendamenti allo statuto, i quali non credo possano entrare in conflitto con i tuoi. A parte la soppressione dell'art 13, sono disposto io a firmarli, a meno che tu non trovi altri firmatari, ma mi riservo di formulare e presentare le mie proposte di emendamento, prima di firmare le tue. Bye.

Ps. vorrei sapere anche io se sono necessarie due o tre firme, marco.

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
due

2 (due)

Stefano Russo
Ritratto di Stefano Russo
Offline
Iscritto: 08/23/2011
Emendamenti di Giovanni

Giovanni ti ringrazo per la disponibilità:-)non avevo dubbio sulla tua onestà intelletuale.
Leggerò anch'io i tuoi emendamenti e ti garantisco aprioristicamente la mia firma. Bisogna votare, per arrivare democraticamente alla reale condivisione.

Stefano Russo

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Proposta di Emendamento allo Statuto numero 04 - Giovanni Tateo

EMENDAMENTO ALL’ART. 4 DELLO STATUTO
Al comma 3:
sostituzione della frase “al Partito Radicale NonviolentoTransnazionale e Transpartito” con la frase “alle Associazioniiscritte a Tv Radicale, in parti uguali tra loro.”

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
emendamento 4, sono contrario

sono contrario e voterò contro per una semplice e banale questione di affetto nei confronti del PRNTT

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Personalismi

Caro Marco, ti esorto a non valutare questioni di affetto, le quali sono necessariamente personali, per decidere su questioni statutarie.

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
Va bene evito personalismi:

Caro Giovanni, non è questione solo di affetto personale, del resto, poi, sono il papà della proposta di statuto e quindi avrò potuto inserire un aspetto caro a me personalmente da condividere con altri. Ma il punto non è questo. Devolvere il patrimonio al PRNTT prima di tutto è una scelta politica di respirabile per la storia e per ciò che rappresenta il PRNTT e poi: perché dividere il patrimonio fra le Associazione e non anche gli iscritti? Non sarebbe iniquo? (domande retoriche alle quali non mi aspetto risposte per non sciupare altro tempo).

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Sciupare tempo?

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
Esattp sciupare tempo

confermo che discutere su a chi devolvere il patrimonio in caso di scioglimento dell'Associazione è per me sciupare tempo. Confermo la mia contrarietà all'emendamento per le ragioni esposte. Per il resto: nu c'è provà; non commento nemmeno.

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Se è sciupare tempo, allora non precisiamo.

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
Un solo particolare, Giovanni

Sai perché ti rispondo su questa questione dello sciupare tempo? Perché mi da noia darti l'ultima parola. Banale ma è così; chiamale debolezze umane... faccio l'ecnomia e velocizzo qualcosa, ma su questo non voglio lasciarti l'ultima parola.

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
Emendamento 4: voto NO

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
e Radicali Italiani?

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Proposta di Emendamento allo Statuto numero 05 - Giovanni Tateo

All'articolo 7 comma 2 dello statuto di Tv Radicale

E' aggiunta la frase: “Il numero dei costituenti la giunta di segreteria nominati dal Segretario deve essere pari o superiore al numero di Associazioni iscritte a Tv Radicale.”

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
emendamento 5 - sono contrario

Sono contrario e voterò contro perchè proprio il rischio che paventi tu è quel peso o contrappeso che fa in modo che il Segretario non sia il Dominus dell'Associazione ma solo una componente, bilanciata da un'altra.

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Solo il segretario è eletto.

Le associazioni non sono elette, ma si iscrivono; mentre è il segretario il rappresentante di tutti gli iscritti, di tutti i partecipanti all'Assemblea, ed è lui che ha il mandato di tracciare la linea politica: la mia proposta va nella direzione contraria da quella da te temuta, anzi, credo sia una norma necessaria ad evitare una sproporzione tra soggetti associativi iscritti e iscritti come persone fisiche. Se in un futuro si dovessero iscrivere associazioni non radicali, TvRadicale finirebbe per non essere più rappresentata da radicali. Solo a me sembra un controsenso?

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
è una clausula di salvaguardia - proprio da evitare

Il contrappeso che proponiamo serve proprio per evitare questa clausula di salvaguardia che dici tu. Non bisogna rischiare che un'Associazione Radicale di trasformi in qualcosa di altro se s'iscriveranno altre Associazioni non Radicali... e perché no? Per quale arcana ragione quest'Associazione nel tempo deve restare Radicale se verrà trasfigurata e contaminata da tante altre Associazioni, magari non Radicali e con un progetto migliore, diverso, altro? E se il progetto andasse alla deriva che problema c'è? Tenere porte e finestre veramente aperte, non per finta, è sempre un rischio (che pochi sono disposti a correre) e nuove strade da percorrere, per sperimentare, per andare fuori dagli schemi...

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Assemblea degli iscritti decide, non le associazioni.

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
è un NON problema

La Direzione è un organo importante e che ha il suo peso politico, ma è e resta un organo consultivo. Accogliere questo emendamento vuol dire solo complicare e appesantire la struttura e la gestione dell'Associazione.
Sulla serietà della mia riflessione ti assicuro che lo faccio sempre e con ogni sollecitazione, tua o di altri. Come vedi non mi esprimo sulla candidatura alla segreteria perché non è argomento di dibattito in questo momento. Ti ricordo altresì che la proposta di Statuto è stata meditata per quasi due mesi e con un numero di riunioni da parte del comitato promotore che neanche mi ricodo più... possiamo avere idee divergenti e infatti non sono d'accordo con la tua proposta, ma non puoi venirmi a dire che valuto superficialmente... non sono d'accordo e basta; ho anche argomentato, che devo fare di più?
Se poi ti da fastidio che l'autore della proposta di Statuto, che chiaramente ha il suo peso (non mi riferisco solo ai miei 113 chili), ti viene a dire che non è d'accordo, bhé su questo non posso farci niente; ma uscirei dalla questione personale e cioè tu fai questo e quell'altro. Vorrei discutere asetticamente del piano politico e sul punto ho argomentato a sufficienza.

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
Emendamento 5, voterò Sì

mi sembra una proposta ragionevole.

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Proposta di Emendamento numero 07

All'articolo 15 comma 3 dello statuto di Tv Radicale

La frase “è fissata in euro 100” è sostituita con la frase "è variabile; tale quota viene fissata in un numero di euro pari a cinque volte il numero degli iscritti al soggetto associativo che intenda iscriversi a Tv Radicale. In ogni caso, la cifra necessaria all’iscrizione di un’Associazione non può essere inferiore a un tetto minimo, fissato in euro 150, né superiore a un tetto massimo, fissato in euro 500.”

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
emendamento 7 - sono contrario

Il meccanismo proposto dall'emendamento è complicato e invece ritengo che ci si deve semplificare la vita. Bilanciare tutto al grammo è faticoso, d'altra parte i 100 euro oppure una quota diversa non sono il corrispettivo di un servizio che Tv Radicale non offre e che non offrirà. E' una quota d'iscrizione per soggetto giuridico, il numero degli iscritti al soggetto giuridico che aderisce e s'iscrive a Tv Radicale è del tutto indifferente, altrimenti rischiamo di attivare un meccanismo pericoloso e sbagliato: "siccome la mia associazione è più grande e contribuisce con 500 euro, allora ho diritto di avere più spazio su Tv Radicale rispetto a quella che è più piccola e che versa 150 euro e che quindi conta di meno". No, non ci siamo. Voterò contro perché è un meccanismo che non mi piace per niente.

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
N° iscritti x 5

A me non sembra complicato moltiplicare per 5 il numero degli iscritti. Tuttavia, se tu, come il futuro tesoriere, dovreste trovare difficoltà nel farlo, caro marco, cederò in via gratuita la mia calcolatrice all'associazione, così tutti i tuoi timori saranno sorpassati!

Per come la penso, le associazioni più grandi potranno avere sempre un motivo per chiedere più spazio, perché per definizione sono ''grandi''. Ricordo che chiunque può pretendere qualcosa da TvRadicale: la risposta è semplice, ed è "NO, Grazie". Eleggiamo un Segretario, e questo segretario nomina un Direttore: sono entrambe figure che, dotate di autonomia proprio dagli iscritti, stanno lì apposta per evitare intromissioni di questo tipo nella linea editoriale di Tv Radicale. Queste figure, l'assemblea stessa, la delegazione delle altre associazioni, il presidente e la giunta di segreteria sono tutti organi che dovrebbero garantire l'evitamento di queste situazioni che temi, e che, in questo hai ragione, sarebbero molto gravi.
Cercare finanziamenti è lecito, marco, a me piacerebbe che Tv Radicale avesse i mezzi per raggiungere più persone possibili, per raggiungere davvero gli obiettivi che si pone, e chiedere una quota d'iscrizione diversa in base alla moneta di cui dispone un'associazione, non solo mi sembra più equo, non solo permette anche alle piccole associazioni di potersi iscrivere corrispondendo una cifra inferiore a quella delle grandi, ma permetterebbe anche di attrezzare la Tv di ciò di cui necessita: mi sembra sinceramente il modo migliore per coadiuvare gli interessi di tutti.
Non dobbiamo aver paura di mirare in alto.
Infine, dalla prospettiva di un'associazione che voglia fare iniziativa politica, la possibilità di raggiungere più persone tramite una web-tv è qualcosa che se non offrissimo noi, sarebbe molto costoso, sarebbe, appunto, un servizio di cui avrebbero bisogno, per il quale dovrebbero pagare cifre che non potrebbero permettersi. Noi non corrispondiamo nulla, dato che la quota d'iscrizione è annuale, e non è calcolata in base allo spazio ceduto: se nel video si capisce il contrario, me ne scuso, ma non avevo la minima intenzione di scambiare l'associazione per un'azienda.

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
emendamento 7: voto NO

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
2000 euro!

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
Non mi hai convinto Giovanni

Non solo non mi hai convinto ma resto più fermo sulla mia posizione del mio post precedente. Sulla calcolatrice ti ringrazio ma non ne ho bisogno; primo perché non sono affetto da analfabetismi di ritorno; terzo perché so far di conto abbastanza bene e fino ad un certo punto anche a mente senza bisogno della calcolatrice. Ops! Mi è scappato il "secondo", è vabbé terro a portata di mano la calcolatrice, ma userò la mia. Grazie.

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Quota di iscrizione è per favorire le associazioni stesse.

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
ripeto il concetto

Il numero degli iscritti delle Associazioni che diverranno soggetti costituenti a Tv Radicale è ininfluente, quindi è giusto che la quota d'iscrizione (i 100 euri proposti) sia uguale per tutti per evitare pericolose derive di chi potrebbe venirsene fuori con il concetto che siccome sono grandi e quindi pagano di più, allora hanno un peso maggiore. No, non può funzionare così. Il peso della singola Associazione dev'essere uguale per tutti così come per gli iscritti persone fisiche; anzi le Associazioni hanno un peso inferiore rispetto alle persone fisiche perché non votano alle assemblee poiché non è previsto il voto per delega. nche questa volta non mi hai convinto e resto sulla mia contrarietà all'emendamento che proponi.

Giovanni Tateo
Ritratto di Giovanni Tateo
Offline
Iscritto: 08/30/2011
Proposta di emendamento allo Statuto (numero 08?) - G. Tateo

EMENDAMENTO ALL’ART. 11 DELLO STATUTO
Al comma 3:
soppressione della frase “e ne fanno parte di diritto il Segretario,il Tesoriere e il Presidente.”

Roberto Mancuso
Ritratto di Roberto Mancuso
Offline
Iscritto: 02/18/2010
Emendamento 8: voterò No

Caro Giovanni, comprendo le tue intenzioni e anche le tue ragioni perchè in effetti la questione è opinabile; tuttavia io ritengo meglio rispondente all'assetto complessivo che questa Associazione si sta dando .... continua nel video :P

marcomarchese
Ritratto di marcomarchese
Offline
Iscritto: 07/11/2010
Non sono d'accordo neanche su questo

Non sono d'accordo con il tuo emendamento perché il Direttore di Tv Radicale è persona di fiducia del Segretario che ha come contrappeso nella nomina la clausola di unanimità della giunta di segreteria e quindi la conduzione della linea editoriale non è prerogativa esclusiva del Direttore ma qualcosa di collegiale o almeno di largamente condiviso. La caratteristica innovativa di quest'Associazione è che opera su due piani, vero, quello strettamente politico e quello della Web Tv, ma non bisogna dimenticare che è una Web Tv che fa politica, non si tratta di una web Tv come possiamo dire.... generalista, che quindi risponde ad altre logiche. Il senso che vuole Presidente, Segretario e Tesoriere nel comitato di redazione sta proprio nella collegialità della gestione della linea editoriale che, ripeto, è tutta politica.

Where to buy revia safe & cheap?